Consulenza del partner di outsourcing: come proteggere i tuoi dati e mantenere le informazioni al sicuro

11
Consulenza del partner di outsourcing: come proteggere i tuoi dati e mantenere le informazioni al sicuro
Partner di sviluppo software in outsourcing

Di Igor Tkach

La sicurezza dei dati, la protezione della proprietà intellettuale e la riservatezza delle informazioni sono tra le principali preoccupazioni relative all’outsourcing dei processi aziendali. Quando si tratta di gestire progetti da remoto, il 73% delle principali organizzazioni mondiali1 nominare la sicurezza delle informazioni come un fattore decisivo per la scelta di un partner di sviluppo software in outsourcing.

Questo requisito ha perfettamente senso in quanto violazioni dei dati, uso improprio o divulgazione di informazioni aziendali sensibili possono potenzialmente comportare perdite finanziarie e di reputazione o azioni legalmente vincolanti. Pertanto, la prima e più importante cosa che dovresti fare per garantire la sicurezza del tuo progetto è verificare che il tuo fornitore di servizi disponga di una solida politica di sicurezza delle informazioni, conforme alle normative internazionali sulla protezione dei dati.

Come scegliere un partner di sviluppo software in outsourcing

È fondamentale testare la competenza di un fornitore di outsourcing del progetto prima di prendere una decisione definitiva sulla tua potenziale partnership. Puoi utilizzare questa lista di controllo durante le negoziazioni con i tuoi potenziali partner tecnologici:

Certificazione di sicurezza

ISO 9001:2015 e ISO 27001 sono benchmark riconosciuti a livello mondiale in la sicurezza dei dati gestione. Se il tuo potenziale fornitore di outsourcing è certificato in base ai requisiti ISO, puoi essere certo che le sue procedure operative, i protocolli di gestione degli incidenti e le politiche di sicurezza delle informazioni soddisfano i più elevati standard internazionali di sicurezza e protezione.

L’attuale livello di sicurezza informatica dell’azienda

Regolare test di penetrazione è uno dei migliori metodi preventivi per proteggere il tuo prodotto digitale. Quindi non esitare a chiedere al tuo partner tecnico con quale frequenza esegue i test con la penna. Un’analisi approfondita dell’infrastruttura IT della società di outsourcing può dimostrare la loro resistenza agli attacchi informatici o rivelare potenziali punti di violazione e lacune di sicurezza nel loro sistema.

Procedura per la gestione delle violazioni dei dati

Il furto o l’uso improprio di informazioni sensibili è una delle maggiori preoccupazioni per le aziende che gestiscono progetti di sviluppo software in remoto. Pertanto, il tuo fornitore di servizi deve disporre di una strategia esauriente di risposta agli incidenti. Chiedi al tuo potenziale partner le azioni che intraprenderebbe per affrontare le minacce interne, la perdita dei supporti di backup e gli attacchi alla shell Web sulla tua infrastruttura remota.

Principi di sicurezza dei dati

Una società di outsourcing affidabile progetterebbe il proprio sistema di gestione dei dati basato sulla triade della CIA. Questo modello garantisce riservatezza, integrità e disponibilità di tutti i dati archiviati sui server aziendali.

  • Riservatezza offre una garanzia che gli utenti non autorizzati non possono accedere a database, codice sorgente, informazioni commerciali e rapporti finanziari sia in rete che localmente.
  • Integrità tiene conto dell’accuratezza e dell’affidabilità delle informazioni durante l’intero ciclo di vita. Assicura che i pacchetti di dati siano esenti da manomissioni e rimangano autentici e coerenti durante il trasporto.
  • Disponibilità principio implica che i dati dovrebbero essere facilmente accessibili a tutti i partecipanti, che potrebbero averne bisogno. Ciò implica che i sistemi, le reti e le applicazioni devono funzionare come un orologio anche in caso di interruzione di corrente, guasti dei componenti, disastri naturali o ransomware.

Best practice per la sicurezza delle informazioni

Una solida politica di sicurezza delle informazioni è di fondamentale importanza per le organizzazioni di outsourcing. Ma per rimanere al passo con le tendenze della sicurezza informatica e garantire la conformità alla normativa internazionale sulla protezione dei dati, gli esperti raccomandano a queste organizzazioni di attuare le seguenti misure di sicurezza:

Rete wireless aziendale sicura

Lo sviluppo di software in outsourcing è impossibile senza una rete in cui i dati vengono conservati e condivisi tra i membri del team. Implica che gli sviluppatori remoti che lavorano per te dovrebbero utilizzare solo una connessione VPN sicura quando accedono al tuo sistema. Una VPN crittografa tutti i dati trasferiti via Internet, proteggendo il codice sorgente, i record aziendali, chat di squadrae informazioni di identificazione personale da accessi non autorizzati da parte di utenti malintenzionati.

Politica password rafforzata

L’autenticazione con password è un mezzo comune ma potente per proteggere computer, smartphone e account online dal furto e dall’uso improprio di informazioni riservate. Tuttavia, la maggior parte delle persone riutilizza spesso una o due password per più siti web. Le statistiche rivelano che il 51% degli adulti che lavorano in tutto il mondo2 utilizzare le stesse credenziali di accesso sia per gli account personali che per quelli aziendali.

Quando concedi l’accesso al sito Web o ai dati della tua azienda, chiedi a tutti coloro che sono coinvolti nelle tue operazioni, da ingegneri e project manager a supervisori e personale amministrativo, di verificare i propri account con una combinazione di password complessa. Un passcode a prova di hacker dovrebbe essere una sequenza apparentemente non correlata di lettere, numeri e simboli di almeno otto caratteri. Per rafforzare ulteriormente le tue risorse aziendali, puoi introdurre un’autenticazione a due fattori tra i tuoi team remoti.

Robusta protezione antimalware

Le organizzazioni di outsourcing devono disporre di una soluzione antivirus affidabile. Dovrebbe coprire ogni aspetto dello spettro di protezione dal malware, dal rilevamento di minacce emergenti e procedure di risposta automatizzate alla diagnostica degli endpoint e alla valutazione dello stato di salute del computer.

Se il tuo partner tecnologico fornisce ai dipendenti workstation fornite dall’azienda, è probabile che configurino e mantengano i sistemi di difesa della sicurezza sui loro dispositivi. Tuttavia, se il fornitore aderisce alla politica BYOD, dovresti informare il tuo team remoto dell’importanza di installare il software di sicurezza sui propri dispositivi.

Archiviazione dati inattaccabile

La sicurezza dell’archiviazione dei dati si riferisce al meccanismo di salvaguardia delle risorse di archiviazione e del loro contenuto, sia on-premise, in data center esterni e nel cloud. Ciò include la protezione fisica di server, dischi rigidi del computer e dispositivi portatili. Le aziende IT implementano anche soluzioni software per proteggere le informazioni inattive all’interno di repository online, SAN (Storage Area Network) o NAS (Network Attached Storage).

Esistono due approcci principali per garantire la sicurezza dell’archiviazione dei dati durante la gestione di progetti di sviluppo software remoti:

  1. Quando il prodotto sarà completamente sviluppato sul sito del fornitore, tutte le informazioni verranno salvate localmente. Pertanto, il tuo partner tecnico si prenderà cura della sicurezza e dell’integrità dei dati archiviati.
  2. Se il team costruisce software dalla tua parte, hai il controllo totale sull’infrastruttura di sviluppo e sulla sua sicurezza. In questo modo puoi utilizzare le tue tecnologie preferite, nonché processi informatici manuali e automatizzati per la protezione dei dati.

Meccanismo di controllo degli accessi

La collaborazione con un fornitore di outsourcing del progetto richiede l’apertura delle porte virtuali a parti interessate esterne. Per prevenire l’abuso dei privilegi e lo sfruttamento della vulnerabilità da parte loro, dovresti applicare il controllo degli accessi basato sui ruoli.

Questo approccio, noto anche come principio della minima autorità, afferma che gli utenti dovrebbero avere accesso solo a quei file, apparecchiature e sistemi di cui hanno bisogno per svolgere i loro incarichi di lavoro. Una visione chiara di chi ha accesso a ciò che è un must per un sistema di gestione dei dati sicuro.

Circa l’autore

Igor Tkach

Igor Tkach è General Manager presso Daxx, una società di servizi di consulenza tecnologica e sviluppo software, parte di Grid Dynamics Group. Le aree di competenza di Igor abbracciano le principali aziende tecnologiche, la creazione di team remoti, la scalabilità dei processi aziendali, il successo dei clienti, la consulenza gestionale, l’analisi aziendale, la gestione agile dei progetti e la gestione dei prodotti. Igor ha contribuito a importanti media come Forbes, Frizione, TechBeacon, coniatore, Rivista StartUs, e altro ancora.

Riferimenti:

  1. https://www2.deloitte.com/cy/en/pages/governance-risk-and-compliance/articles/outsourcingamidcomplexity.html
  2. https://dataprot.net/statistics/password-statistics/
Ähnliche Beiträge

Lascia un commento